giovedì 15 gennaio 2009

Sex and the city de no jatri


Mi sembrava di vedere una puntata di Sex and the City.
Lei, l'altra, loro ed io. Tutti a mangiare attorno ad un'improbabile tavolata.
Ahimè la sala mensa è condivisa.

Lei attacca uno dei soliti discorsi che mi fanno capire perché ci sono tante single al mondo.
Single, che per altro, sono capaci di fare un vanto della loro solitudine e spudoratamente si compiacciono della loro acidità camuffandola, dal ben più comune "cinismo".

-"ah guarda ..non puoi capire che palle...pensa vuole sempre venire a fare la spesa con me; ogni volta, vuole che ci andiamo assieme!-

Mio Dio che orrore pensare di andare a fare la spesa con quello che da meno di un mese hai scelto come tuo compagno...

-si , non puoi capire...quando mi dice che va in palestra per me è una benedizione! e il bello è che lo dice pure dispiaciuto!-

Mamma che mostro, è dispiaciuto di lasciarti a casa da sola per andare in palestra...sempre peggio.

-Vedi a me piace avere i miei spazi, e non vedo perché condividerli con lui!-

Si infatti hai 33 anni, sei stata sola per una vita, poi trovi uno che , chissà per quale inspiegabile motivo ha deciso che gli piaci, ed ora tocca che dividi parte dei tuoi spazi con lui...una vera tragedia.
Che pena che mi fai.

L'altra.
-ah parole sante! due coglioni 'sti uomini che ti vogliono sempre accompagnare a fare tutto. Pure il mio, non muove un passo se non ci sono appresso anche io. Ma d'altronde in casa si sa...io porto la gonna e pure i pantaloni!-

Mi pare lo slogan di una campagna femminista del '68.


Nel mentre che sento questi discorsi mi sale un ghigno. E' più forte di me. Guardo gli uomini presenti al tavolo.
Uno scuote la testa , sembra apparire sopra di lui la nuvoletta dei fumetti- "ma vaffanculo...mai contente...banda di stronze"-
L'altro fissa il suo piatto- " continua così, che tanto mica ce l'hai d'oro..."

Poi mi volto e vedo l'ultimo...
-"io scendo"-gli dico sorridendo

Mi guarda, annuisce con un mezzo sorriso.
-"Vengo con te, passami la busta che te la porto giù io"-

Imbocco le scale con tutti gli uomini presenti a quel tavolo; si portano le mie buste in mano e scuotono la testa, probabilmente pensando a quanto deficienti posso essere a volte le donne.

10 commenti:

lucagel1 ha detto...

Te la ricordi quella canzone degli Stadio colonna sonora de I ragazzi del muretto?
titolo eloquente...Un disperato bisogno d'amore....
avessimo tutti meno palle tra la testa....
Cara Ody,aspetto impazienta commenti sui nuovi personaggi e stori de Ls....Il giannizzero...fossi donna me ne innamorerei... e Warrior M....sublime e spettacolare....ed il bello che tutte le volte quando finisci l'episodio pensi "Già?..." e non ti stanchi mai.....Bye darling

indierocker ha detto...

..wow, divertente!
...la prossima volta vai al bar invece che in sala mensa, no?!
ciao da indierocker (di passaggio qui dal blog di luca, appunto)

Alessandra ha detto...

ma dico? Odeline! dopo un mese di convivenza ne ha due palle? direi che è messa proprio bene la tipa! benino direi! ...te fatti portar le buste ... e lasciale al loro "niente".

un bacio e buon week end!
Ale :)

AndreA ha detto...

Questa categoria (che esiste, seppur con sfumature differenti anche tra gli uomini) la detesto ...

Un abbraccio, a presto! ;-)

Suysan ha detto...

Mi auguro che le donne come lei siano in via d'estinzione!!!

Mr.Henri ha detto...

Pensa quel poveraccio del ragazzo che vita fa, però sono convinto che il ragazzo se lo tiene stretto sennò chi se la piglia una così solo un decerebrato :)

saluti, mr.henri

Roxy ha detto...

Davvero noi donne non siamo mai contente......però quelle erano particolarmente stronze! Baci

Anonimo ha detto...

tra tre mesi la ritrovi allo stesso tavolo a piangere perchè l'ha lasciata..e ha fatto bene!
Valeria

Anonimo ha detto...

tra tre mesi la ritrovi allo stesso tavolo a piangere perchè l'ha lasciata..e ha fatto bene!
Valeria

sciopina ha detto...

Parole Sante!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin